Where the magic happens (o anche no)

Ore 16.31, settembre, pagina 199.
La protagonista del libro che hai appena divorato trova lavoro.
Scoppi a piangere come se fosse appena successo a te, alla tua migliore amica, a un parente stretto.
Ok la pillola, ok gli ormoni, ok che sei sempre stat* un* sentimentale.
Ma qui c’è un problema.

La più classica delle ellissi temporali ha catapultato il personaggio dalla fine dell’estate del precedente capitolo, in cui era disoccupata e disperata, alla vigilia di Natale, in cui è prossima alle ferie pagate. Senti i campanellini, senti Jingle Bells, senti lo zucchero del pandoro che ti asfalta la gola. E sai che quel tuo pianto è frutto di una tensione che cerchi di non esternare troppo (se non con the gloomy, la cui pazienza farebbe irritare San Cirano), tensione che ora è stata liberata dall’immedesimazione. La protagonista di quel libro sei tu, tanti sono i punti in comune che vi uniscono. Ti identifichi in lei, ti sei riconosciut* (e pazienza se abòrri e bolli come reazionaria la definizione secondo cui il pubblico ha bisogno dell’arte per potercisi riconoscere: qui non si tratta di arte, questa è proprio cronaca).
Sei tu che alla fine della bella stagione hai bisogno di un lavoro, sei tu che mandi speranzos* curricula non richiesti completi di foto (di 6 anni fa), sei tu che, compulsivamente, premi il tasto refresh con la speranza di trovare nella tua inbox qualcosa di più di un aggiornamento di LinkedIn (che non sai usare).

Avresti potuto spendere qualche parola in più, ingegnarti per un inizio originale, spiazzante, accattivante.
Avresti potuto spiegare “Chi sei”, ma ilcopypiùbravoditalia dice che il “Chi sono” è del tutto out, superato, anni ’80, demodé.
Avresti potuto cominciare da molto più lontano. Invece cominci da oggi.

Nei giorni scorsi hai ricevuto delle risposte inaspettate alle tue autocandidature (poche, per la verità) e, sull’onda dell’entusiasmo, ignorando del tutto quell’intestazione a piè di pagina che rivelava quanti chilometri ti separano dal luogo magico in cui tutto, ma proprio tutto può accadere, perfino che qualcuno legga una tua mail e non la cestini al pari dell’ennesima inutile notifica di Google+ (scherzo, Google. Sai che ti adoro), hai risposto a tua volta: «certo, sono disponibiliss(ssssss)im*. Ehm. Disponibile. Posso, insomma, vediamo. Va bene giovedì? (perché se non va bene vengo pure di sabato alle 7 del mattino, eh)».
Segni su Google Calendar (visto?) l’appuntamento che pare lontanissimo. Ere geologiche ti separano dal pellegrinaggio al luogo magico, dove tutto può accadere, soprattutto che diano per scontato che tu possieda una macchina e non sia, per carità, un* di que* freakketton* appiedat*.

La mattina del colloquio (in realtà, della più informale «chiacchierata» quando «passi di qui») ti rivolgi a Google Maps (hai capito ora, sciocchin*?), che con il suo solito candore ti svela che per raggiungere il luogo ameno impiegherai 1ora e 51 minuti, contando anche quell’ultimo istante che passerai davanti allo specchio nella hall, tentando si assumere un’andatura adulta e self confident.

8 euro, a/r, 4 autobus; un minuto di ritardo sulla prima corsa. 5 ore in totale.
Ti prepari come se andassi in gita al lago e passi il viaggio in compagnia di turisti tedeschi convinti che l’estate non finisca prima di Halloween, trovi per miracolo il civico 5z/q, arrivi alla meta. Ti accoglie un CEO cordialissimo e abbronzato, stranamente preparatissimo sul tuo curriculum, incuriosito dal tuo background «inusuale».
Ti racconta dei problemi con i clienti, di quanto fatturavano prima, di quanto hanno dovuto tagliare adesso, matuseigiovaneenontelopuoiricordare. Un po’ di turpiloquio qua e là per farti capire che la situazione è informale.
Seguono i complimenti per la tua creatività.
Segue un «ci risentiamo quando potrò darti qualche certezza».
Seguono tre quarti d’ora di attesa della corriera di ritorno.
Non c’è una pensilina, non una panchina o un muretto. Ti siedi sul marciapiede mentre sfogli il libro appena iniziato. Una donna emigrata in Svizzera, tornata in Italia per le vacanze, ti fa i complimenti per il vestito e ti dice che da giovane ne aveva uno uguale. Ti dice anche che il colloquio è andato sicuramente bene e che ti richiameranno, ma dopo un poco si gira, si dimentica e ti rivolge la parola in tedesco.
Abbandoni con l’ultima corsa il luogo magico, dove può accadere tutto, anche che ti si faccia un colloquio assolutamente nella norma.
Ripensi a come modificare il tuo curriculum per farlo sembrare un po’ meno inusuale e un po’ più utile, ripensi a quel «ci risentiamo», provi a ignorare il resto della frase e ti concentri su quell’indicativo presente che significa, si sa, immediato futuro. Magari addirittura autunno.

Ok, l’estate non ti è mai piaciuta, ok, dicembre è da sempre il tuo mese preferito. Ma qui c’è una speranza alla quale ti aggrappi: quella che ti fa credere ancora ai folletti e ai «dobbiamo proprio rivederci»; l’ingenuità che ti fa apprezzare delle luminarie ben fatte nonostante l’astio per il consumismo-gli sprechi-le feste comandate, e che ti suggerisce che, a breve, quel pianto liberatorio sarà uno scroscio autoriferito e non solo il degno epilogo di un libro letto tutto d’un fiato.

Annunci

3 thoughts on “Where the magic happens (o anche no)

  1. mairim 30/09/2015 / 7:32 PM

    mentre ti leggo vedo davanti ai miei occhi la mia data di nascita!…….tu sei un’auto ultramoderna, ecologica, io un motorino Garelli anni ’70, di quelli che quando il motore si surriscaldava cominciava a scoppiettare e poi inesorabilmente si fermava! E tu dicevi “accidenti, è la candela!”. Con pazienza la pulivi e, con le mani unte di grasso (era impossibile riuscire a non sporcarsi), ti rimettevi in viaggio….E questa storia degli asterischi…..io so cosa significa e quindi mi “obbligo” ogni volta a declinarti sia al femminile che al maschile….. ma mi distrae, mi fa pensare al Sig./ra dei moduli della burocrazia del secolo scorso, mi rallenta, mi smorza l’emozione che pure il tuo discorso mi suscita.

    Mi piace

  2. primagnan 30/09/2015 / 11:40 PM

    Sulla questione dell’asterisco, rubo le parole di feminoska (l’articolo intero è questo: http://intersezioni.noblogs.org/condivisioni/chi-ha-paura-dellasterisco/ ) : “Un asterisco moltiplica le possibilità, invece di frazionarle come fa una barretta (i/e) – esplicita la variabile alla norma duale, sottolinea l’obbligatorietà di fermarsi a riflettere”.
    Questo perché l’identità di genere non è binaria e non è riducibile solo a maschile/femminile. In questo la lingua ancora non ci aiuta, dobbiamo essere noi a cambiarla con l’utilizzo.
    Oltretutto (ma è un parere personale e fantasioso), l’asterisco è graficamente più stimolante di una barretta: può suggerire altri suoni alternativi alle due declinazioni a cui siamo stati abituati (diamoci questo permesso almeno quando leggiamo con gli occhi 😉 ).
    Per il resto: grazie per avermi dato dell’ “auto ecologica”! Ci provo, a ridurre il mio impatto a zero (e per farlo sto capendo che la decrescita non è l’unica via).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...